ScrollRistorante


Solo con la tradizione
è possibile reinventare.

Nel menù si trovano piatti che si rifanno alla tradizione gastronomica italiana rielaborati in chiave moderna e proposte più attuali con ingredienti e abbinamenti originali.
L’offerta è stagionale e cambia 4 volte l’anno con alternative di carne, pesce e vegetariane con ingredienti sempre freschi e selezionati.

Seppia, piselli e rabarbaro

Tagliatella di seppia, piselli freschi, rabarbaro marinato nel suo succo, finto baccello di piselli soffiato, con un impasto recuperato dai baccelli originali.

Manfredi tonno, caglio e papaccelle

Manfredi mantecati con caglio e capperi, tonno al naturale, melassa di papaccella, chips di papaccella e foglie di cappero.

Orto di Carlo

Waffle salato con erbe di campo e scalogno, verdure di stagione accuratamente selezionate e presentate in diverse cotture e consistenze, al fine di esaltarne i sapori nel rispetto di quanto naturalmente offerto dalla nostra terra.

Cioccolato e lamponi

Caprese al cioccolato, ganache al cioccolato, gelatina al lampone, cous cous di lamponi ghiacciati, crema di lamponi, finto lampone, chips di riso, biscotto al cacao leggermente salato e sorbetto ai lamponi.

La brigata di cucina è stata affidata dallo chef Carlo Cracco al giovane chef napoletano Luca Pedata, classe ’89, che dà la sua personale impronta alla proposta culinaria del ristorante.

Carlo al Naviglio è aperto sia a pranzo che a cena dal lunedì alla domenica.
Per i gruppi numerosi è richiesto un menù fisso.

Il servizio di sala, guidato da Enrico Ottaviano, è giovane e informale e cura ogni dettaglio per far vivere agli ospiti un’esperienza coinvolgente in un’atmosfera teatrale ed affascinante.

Per eventi esclusivi è possibile riservare sale private, capaci di ospitare piccoli e grandi gruppi.
Su richiesta, in queste sale, la mise en place è interamente personalizzabile.